Associazione Malati di Alzheimer onlus- via Tana, 5 - 10023 Chieri (To) - direttivo@amalzheimer.it
       
 
    
Iniziativa "Alzheimer Cafè"


Quando si viene invitati a prendere un caffè si pensa al semplice chiacchiericcio o forse all’opportunità per venire a conoscenza di fatti o progetti. A Chieri è nato un caffè che invece ha tante finalità che ruotano attorno ad una parola molto brutta, ma che per l’occasione assume il significato di umanità, sollievo e forse anche un po’ di speranza.

Il Cafè Alzheimer sorge a Chieri in Via Palazzo di Città 18 ed è – in un certo senso - un caffè vero e proprio con tanto di macchinetta e dolci di accompagnamento. Ma nei locali situati nel centro di Chieri non si va solo per svago, ma per dare e ricevere umanità, per confortare e sostenere chi ha familiari affetti dal terribile morbo la cui diffusione negli ultimi tempi è andata aumentando portando con sé un incremento delle famiglie toccate dalla problematica.

Nell’affrontare con sostegno medico, burocratico e morale coloro i quali si trovano ad assistere familiari ammalati del morbo che toglie lucidità, personalità fino a strappare alla vittima la stessa vita, il Cafè Alzheimer è particolarmente innovativo tanto da renderlo un esperimento di volontariato meritevole di diffusione in tutto il territorio piemontese e forse non solo.

Il quarto sabato di ogni mese i locali del Cafè Alzheimer aprono le porte con i volontari e personale competente che sono in grado di aiutare i fruitori ad affrontare nel miglior modo possibile la malattia. Sovente chi ha avuto l’esperienza di malati di Alzheimer in casa sa bene quanto la vita cambi irrimediabilmente portando con sé il rischio di isolamento dalla società e anche da chi potrebbe quindi condividere problematiche e situazioni comuni.

Il “Cafè” nasce primariamente per questo: per fornire un luogo dove poter ricevere consigli e tornare a sentire di non essere soli nell’affrontare quello che per una famiglia si presenta certamente come un dramma. Perché se i familiari dell’ammalato di Alzheimer si dovessero rivelare fragili al punto di soccombere sotto il peso di un fardello tutt’altro che facile sarebbe peggio per tutti.

L’idea è quella di creare situazioni di dialogo in tutta privacy con chi l’Alzheimer lo affronta ogni giorno senza pausa. A questo pensa l’Alzheimer cafè. E sono le benvenute non solo le famiglie e le persone di Chieri e dintorni, ma da qualsiasi zona. I volontari sono pronti ad accogliere chiunque e ad ascoltare. Il motto è: “Venga a prendere un caffè con noi”.

L’appuntamento è per ogni ultimo sabato di ogni mese.

Contattateci per informazioni: sig.ra Giuseppina Malerba (cell. 3316 339 064) oppure  direttivo@amalzheimer.it


PROGRAMMA DI ATTUAZIONE
 

dalle 14 alle 18 
Assistenza ai malati dei familiari che accedono al Cafè Alzheimer (per favorire la partecipazione dei care givers agli incontri, alleggerendoli dallo stress dell’assistenza): 1 OSS (terapia farmacologica, cambio pannoloni), 1 animatrice volontaria, 1 volontario. Per la merenda: biscotti, tisane, budini, acqua, acqua gelatinata, passati di frutta. per l’ascolto della musica: Radio con CD.

Dalle 14 alle 15 
Accoglienza gruppo di auto-mutuo-aiuto formato da volontari e care givers. Il medico psicologo avrà il compito di catalizzare e facilitare la comunicazione e di tutelare le dinamiche di gruppo, promuovendo la partecipazione di tutti i componenti. 1/2 volontari assisteranno agli incontri e favoriranno il legame tra i partecipanti.

Dalle 15 alle 17 colloqui individuali con: psicologa, medico geriatra. 2 volontari faciliteranno gli incontri e gestiranno le precedenze.

Alle 17 Momento conviviale durante il quale si chiacchiera, si ascolta musica, si assiste alla proiezione di filmati, si mangiano pasticcini, si consumano bevande calde o fredde Per favorire la diminuzione dello stress emotivo, fisico e psichico di chi si occupa dei problemi della demenza per meglio realizzare l'integrazione intra e interpersonale e migliorare la qualità della vita. 


CALENDARIO DEGLI INCONTRI

Sabato 26 ottobre
Incontro con la Fondazione Promozione Sociale (sig.ra Maria Grazia Breda): diritti esigibili, approfondimenti sulla DGR 85 del 2 agosto. Tutela, interdizione e amministrazione di sostegno. 

Sabato 30 novembre
Incontro con la direttrice delle ACLI (dott.ssa Elisabetta Botti): pensioni e benefici legge 104.

Sabato 21 dicembre
Allestiremo un albero di Natale per creare un clima natalizio e per lo scambio degli auguri.




Apri il calendario 2017 degli incontri al Café Alzheimer

Attenzione alle truffe!
L'AMA non svolge attività di raccolta fondi porta a porta e non ha incaricato nessuno di svolgere tale attività.